LA FESTA DELLA LEVA DEL 1998

17.01.2017 12:27

Anche quest'anno un nutrito gruppo di diciottenni ha voluto iniziare i festeggiamenti con la Messa celebrata in san Palmerio e la benedizione della "tuva"

Riporto il pensiero che don Michele ha rivolto ai giovani presenti. Lui, giovane ha presentato tra le righe, la sua esperienza di vita,

<<Cosa ci vuole dire Gesù quando nel Vangelo odierno invita a non mettere il vino nuovo negli otri vecchi che si spaccherebbero con conseguente perdita e del vino e degli otri? Ci vuol forse invitare a bere vino in quantità eccessiva? No certamente.  Egli vuole dirci una cosa essenziale: “Per essere delle persone nuove, serie, che hanno dei valori importanti  non basta essere giovani, ma è necessario essere nuovi, cioè essere uomini e donne  con un cuore nuovo capace di contenere il tumulto dei sentimenti che si hanno da giovani. Posto che a 18 anni, in genere non si hanno molte certezze, ma molti dubbi, e questo è fisiologico,  bisogna porsi delle domande e cercare le risposte giuste per poter vivere una vita felice. Tra le domande più importanti da porsi c’è quella di DIO, che non è una domanda tra le altre o, come molti credono, passata di moda. Il frequentare la chiesa , onde imparare a conoscere e ad amare Dio, non è una cosa per persone vecchie o disgraziate, ma per quei fortunati che aderendo a Dio ne ricevono tanto e a cui nulla viene tolto. Gesù Cristo  o ci riempie la vita di senso o non ha senso che esista. O Dio ci dona vita piena, o non è Dio. L’immagine che molto spesso noi ci siamo fatta di Dio è sbagliata. Il Dio che Gesù ci rivela è un Dio che ci parla di vini nuovi e di otri nuovi, che ci parla cioè di una pienezza di vita che solo Lui ci può dare . Convinciamoci, dunque, che la domanda di Dio è una domanda di senso, a cui bisogna dare una risposta positiva, se vogliamo costruirci una vita piena e felice, avendo appagato la sete di felicità che è in tutti noi, che si sente a tutte le età e che trova appagamento solo in Dio, magari passando per le esperienze del mondo, ma sempre ricordandoci che Dio non ci toglie niente, ma ci dona la felicità che non passa e non quella effimera che ci dà il mondo che dura solo un momento>>.


 Buona Festa!