Caritas Parrocchiale

FOGLIO ILLUSTRATIVO DELLA CARITAS-GHILARZA 
Anno 1 – n. 1 – settembre-ottobre 2005-
                                             Questa pagina è in rifacimento

Questo numero nasce dopo anni di lavoro silenzioso da parte di amici della Caritas. E’ giusto che essi mostrino, alla luce del sole, quanto è bello lavorare per gli altri dimenticando se stessi. Dal rattoppo di indumenti depositati nell’ex casa del Vice Parroco con la tenace volontà di Anna Maria Oppo e delle sue collaboratrici, si è passati ad un angusto locale di fronte alla chiesa parrocchiale, messo a disposizione da un privato. Ma dal 20 dicembre del 2004 eccoci nel locale dell’ex carcere di Via Cesare Beccarla, trasformato da luogo di pena in oasi di conforto, di aiuto, di cultura, di formazione umana, cristiana e religiosa, cioè in CARITAS, cuore della vera Chiesa, che è formata da uomini di buona volontà che sanno dare qualcosa di sé agli altri, alla sequela di Gesù che ha dato tutto se stesso per la salvezza degli uomini.

CHI SIAMO
A livello mondiale esiste la caritas internazionale, che a fianco di altri Enti, porta sollievo in qualunque parte del mondo alle popolazioni colpite da gravi calamità (ter
remoti, uragani, terrorismo,ecc). Ci sono anche le Caritas Nazionali, Diocesane e Parrocchiali che hanno lo scopo di andare incontro ai bisogni di emergenza dove e quando non sono in grado di provvedere gli Enti pubblici preposti, per i ritardi burocratici o per altre ragioni. Per il serio lavoro ormai universalmente riconosciuto, lo Stato riconosce nella Caritas, rispetto alle 3 classi esistenti, un ente di prima classe per quanto concerne il diritto a usufruire di contributi da parte di enti pubblici e privati.

INCONTRO DEI COLLABORATORI

Il 21 settembre u.s. nei locali dell’ex carcere si sono riuniti 20 collaboratori Caritas per fare il punto sulla situazione dei locali ceduti in uso dal Comune per motivi di assistenza. Il direttore ha ringraziato tutti i presenti, soprattutto per il lavoro di ristrutturazione dei locali, compreso il ripristino degli impianti elettrico, idrico e fognario che erano tutti bloccati e inefficienti.Sono state riparate e imbiancate le pareti, verniciati i pavimenti e sostituite alcune aperture. Le celle sono state trasformate in sale ricreative, di ufficio, di studio, di ricerca e 2 in camerette. Alcune stanze vengono adibite a deposito di indumenti, di alimenti e di giocattoli, da distribuire ai bisognosi.. E’ stato un lavoro continuo da parte di un gruppo di artigiani che quotidianamente dal 20 dicembre del 2004 a tuttoggi ha speso qualche ora di lavoro gratuito in favore della Caritas.

IL FUTURO DELLA CARITAS
Entro il mese di ottobre sarà presentato al Consiglio Parrocchiale Pastorale un progetto di attività in relazione alla disponibilità dei locali e sarà chiesta, oltre la nomina di un direttore da parte del Parroco, l’elezione di un Comitato Caritas che assieme al direttore si renderà disponibile per la realizzazione del progetto alla luce dello Statuto che contiene, tra le altre finalità, le seguenti: - sensibilizzare la comunità ai problemi della giustizia e della c
arità; - farsi carico di forme urgenti di bisogno, stimolando, quando occorre, la società civile e i servizi sociali; - sensibilizzare la comunità ai problemi dei paesi più poveri.

ATTIVITA’ DELLA CARITAS
- Raccolta e distribuzione di indumenti, alimenti, giocattoli, libri e arredi; - istru
zione di base agli adulti; - lezioni di italiano agli extracomunitari; - attività di laboratorio per l’apprendimento della lingua inglese: - attività ricreative per adulti; - cineforum; - incontri periodici formativi La Caritas è aperta a tutti gratuitamente; essa gestisce un fondo di solidarietà destinato agli interventi di emergenza, tolte le spese vive. Il fondo viene alimentato da contributi pubblici e privati, collette, tassazioni volontarie e offerte libere. La Caritas renderà pubblici i bilanci.

UN RINGRAZIAMENTO ALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE
Grati al Comune per l’uso dei locali dell’ex carcere a scopi assistenziali, rivolgiamo un ulteriore ringraziamento all’attuale Amministrazione per aver riconosciuto il lavoro di ristrutturazione dei locali da parte dei volontari della Caritas promettendo un cospicuo contributo e l’assunzione delle spese di trasporto degli alimenti dal Banco Alimentare di Cagliari, alimenti che vengono distribuiti a oltre 100 persone bisognose. La Direzione del B
anco di Sardegna ha concesso alla Caritas alcuni mobili che sono serviti a completare l’arredamento della nuova sede.

INFORMAZIONI E APPUNTAMENTI 
Il Centro Servizi per il Volontariato di Sardegna Solidale è a disposizione delle Associazioni di volontariati di Ghilarza, - Via S. Antioco n. 42, c/o la LASA. 
A metà dicembre (2007) il pittore Foffo Uselli ha esposto c/o la Caritas una mostra di pittura di argomento religioso. 
 

CONTATTI
Caritas Parrochiale di Ghilarza
Corso Umberto c/o Parrocchia
0785-563148